carta servizi

Carta servizi

Mission

Il Rimuseum è una struttura al servizio del territorio e delle istituzioni scolastiche e contestualmente un punto forte di raccordo tra tutti i soggetti che a vario titolo sono interessati e/o si occupano di ambiente, di produzione, di tecnologie e ricerca, di servizi e che sono o possono essere attenti alla fruizione consapevole e sostenibile delle risorse ambientali che ci circondano.
Esso ha come scopo centrale l’educazione, la sensibilizzazione e l’informazione ambientale, la nascita di un sentimento diffuso di protezione nei confronti dell’ambiente in cui viviamo. Questo compito viene svolto attraverso l’analisi e l’approfondimento dei temi connessi alla sostenibilità, con le forme interattive e multimediali sviluppate nelle esposizioni, in particolare dedicate ai rifiuti e alla loro corretta gestione.
A tal fine il Museo realizza attività ed eventi, quali mostre e allestimenti, visite guidate e laboratori, proposte di formazione, attività teatrali e di animazione, pubblicazioni, incontri, presentazioni di materiali e tecnologie e quant’altro può essere utile al perseguimento delle sue finalità di divulgazione e informazione per docenti, studenti, cittadini, comunità, associazioni, organi di comunicazione ecc.

Orari e condizioni di accesso

Il Museo è aperto da lunedì a venerdì con il seguente orario al pubblico:

Mattina 9,00 – 13,00 da lunedì a venerdì

Pomeriggio 15,00 – 18,00 da lunedì a giovedì

Giorni e orario possono essere soggetti a variazioni nel corso dell’anno.

Per la pausa estiva il Museo resta chiuso dall’7 al 31 agosto.

l'ingresso è gratuito


Servizi educativi e didattici

Rimuseum offre itinerari guidati di visita e laboratori didattico/creativi per le scuole e gruppi di max 15/20 persone. Tra i laboratori, che possono essere abbinati alla visita, quelli sul riuso sono delle originali forme di attività manuale, personalizzati rispetto all’ordine e grado di scuola, che vengono rinnovati e arricchiti periodicamente. A questi si affianca, in occasioni particolari, la messa in scena, in chiave ludica e leggera, di brevi spettacoli teatrali che hanno sempre nel soggetto tematiche ambientali. Le visite, le attività didattiche e gli exhibit interattivi e multimediali sono realizzati in maniera differente a seconda della fascia di età e della composizione del pubblico e ciò grazie alla specifica formazione degli addetti all’accompagnamento dei visitatori. Sia gli itinerari guidati che i laboratori hanno una durata che varia dai 45 ai 90 minuti.

In occasione di particolari ricorrenze come la Settimana della Educazione allo Sviluppo Sostenibile, la Settimana della Riduzione dei Rifiuti, il Carnevale, la Festa della mamma, la Giornata mondiale dell’acqua ecc. le attività del Museo si arricchiscono di seminari, conferenze, mostre a tema o laboratori tematici specifici. Rivolte ad insegnanti ed educatori, infine, l’accoglienza per la conoscenza del Museo, percorsi laboratoriali multidisciplinari permanenti, corsi di formazione e seminari, conferenze, attività di collaborazione a sportello per progetti PON e POR.

Il Museo non propone attività specifiche per persone con disabilità, ma le visite e le attività sono loro accessibili.

Le didascalie e i testi dei tabelloni sono in italiano, così come i materiali informativi. Su richiesta è possibile fornire la traduzione in inglese della guida e delle informazioni principali stampabili.

Modalità di prenotazione per scuole e gruppi

Per concordare giorno e ora della visita si prendono contatti con la segreteria del museo (0984/465353) Si compila la scheda di prenotazione inviata dalla segreteria, o scaricata dal sito, e si rinvia, almeno 7 giorni prima della data di visita (e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , fax 0984/464345), come conferma scritta degli accordi telefonici. La prenotazione viene ritenuta valida dal personale del Rimuseum al ricevimento, della scheda compilata e sottoscritta.
E’ attiva inoltre sul sito del Museo la modalità di prenotazione on line.
In caso di disdetta della visita, di riduzione o di aumento consistente del numero di visitatori rispetto al numero dei prenotati, per garantire una migliore funzionalità delle attività del Museo, si prega di avvisare telefonicamente la segreteria con un anticipo di almeno 24 ore.

Regolamento e durata di visita

Per garantire la qualità dei servizi offerti dal Museo si richiede di osservare con puntualità gli orari di prenotazione e se non si è sicuri di arrivare in tempo, si prega di darne comunicazione in segreteria. I ritardi non possono essere recuperati attraverso l'estensione dell'orario di visita. Per le scolaresche sarà necessario fornire, al momento della visita, un elenco dei nominativi degli studenti partecipanti su carta con timbro della scuola.
Nel Rimuseum non è possibile fumare in nessuna zona interna; i bambini possono consumare cibo e bevande solo in aree apposite indicate dagli addetti al ricevimento ed accompagnamento dei visitatori e dalla segreteria. Si chiede una limitazione dell’uso dei cellulari durante le visite. Le visite e i laboratori hanno una durata che varia dai 45 ai 90 minuti a seconda della tipologia dei visitatori.
Ai visitatori non facenti parte di scuole può essere richiesto di firmare nell’apposito registro presso la segreteria del Museo.

Gli spazi del Rimuseum

Rimuseum propone un allestimento ludico/educativo articolato su 4 piani con peculiarità distinte per argomento o per target di età.
Lo scopo degli spazi è di restituire agli ospiti uno sguardo d’insieme sul tema dei rifiuti e del processo di una loro corretta gestione. Alla valenza informativa dei contenuti delle esposizioni si associa l’intento di stimolare la percezione che i rifiuti devono essere considerati solo uno stato momentaneo dei materiali con la possibilità di costituire, grazie al contributo di tutti, un circolo virtuoso tra ciò che viene scartato e ciò che viene riutilizzato.
  • L’ingresso, al piano terra, è uno spazio propedeutico e d’accoglienza dove si ricevono le prime informazioni sul tema del museo.
    I visitatori vengono accolti da una grande installazione artistica, una figura antropomorfa creata con vecchi televisori a tubo catodico, che trasmette suggestive immagini e spezzoni di video che si trovano lungo il percorso espositivo (omaggio al viaggio onirico proposto in “2001 Odissea nello Spazio “ dal maestro Stanley Kubrick).
    Da un totem interattivo è possibile selezionare i contenuti approfonditi del Rimuseum, che vengono visualizzati su uno schermo collocato più in alto, al fine di consentire la visione a più utenti contemporaneamente. Sono inoltre presenti tre stazioni interattive per la consultazione di singoli utenti
    Nello spazio dedicato all’Ecoteca vengono messi a disposizione, per la consultazione, testi scientifici inerenti le tematiche ambientali, nonché una postazione audio/video che propone una selezione di filmati sui temi trattati lungo il percorso espositivo. Presso la segreteria d’ingresso è possibile consultare il sito, iscriversi alla newsletter periodica e compilare il questionario di valutazione.
  • I materiali e la loro natura sono l’oggetto principale dell’allestimento del primo piano.
    Il pannello di ingresso “Un mondo pieno di rifiuti” ci introduce alla hall del piano, dove si è visivamente catturati da una parete di rifiuti autentici e da una scritta stile writer cittadino.
    Alle spalle del visitatore è presente, all’interno di un grande pannello, un contatore numerico digitale che aggiorna continuamente la quantità di rifiuti prodotta in Europa.
    La prima sala propone una visione d’insieme della natura dei vari rifiuti. Quindi si passa a trattare, nelle altre sale, i materiali, il loro utilizzo e riciclo
    I METALLI
    L’ACQUA E L’ORGANICO
    IL LEGNO, LA CARTA E I DERIVATI
    LE MATERIE PLASTICHE
    GLI IMBALLAGGI
  • Il secondo piano offre una visione della gestione, smaltimento, differenziazione e trattamento e buone prassi riguardanti i rifiuti. La dimensione di questo piano è la più vicina al quotidiano, a partire dai consumi familiari fino all’organizzazione della raccolta dei rifiuti e al loro smaltimento, con approfondimenti scientifici sul funzionamento delle discariche e degli inceneritori.
    L’ambiente prevede modalità interattive di fruizione e pannelli grafici dai quali trarre dettagli, suggestioni e utili informazioni.
    Il piano è attrezzato con un tavolo interattivo e tre totem. Il primo si compone di quattro postazioni dove gli utenti possono ricavare e valutare il proprio “Ecoprofilo”: le risposte a 20 domande accreditano un punteggio che delinea se i comportamenti quotidiani di ciascuno sono sostenibili e se possono essere migliorati.
    Sui totem video vengono trasmesse clip che mostrano il funzionamento di impianti di smaltimento, incenerimento e discariche e i processi di raccolta e differenziazione.
  • Il piano seminterrato è dedicato prevalentemente ai più giovani ed è pertanto attrezzato con strumenti ludici e pannelli educativi. Il grande spazio d’ingresso offre la possibilità ai ragazzi di acquisire informazioni di dettaglio sulle ecovalenze e suggerisce alcuni esperimenti. Qui è presente un’installazione ludica costituita da un grande cubo sulle cui facce i ragazzi possono giocare, parafrasando un noto quiz TV, a “Chi vuol esser Ecoeroe?”.
    Procedendo si trova la Sala delle impronte seguendo le quali i ragazzi possono apprendere comportamenti ambientalmente corretti.
    Segue infine la sala per i più piccoli, allestita con due grandi pannelli dedicati alla corretta associazione tra rifiuti e contenitori per il loro smaltimento, utilizzabili con una modalità di gioco simile a quella del “Sapientino”

Attività con le scuole

Per le scuole vengono realizzate le seguenti attività:
  • Visite per gli insegnanti nel corso dell’anno, su prenotazione. Durante la visita sarà sempre a disposizione il personale del Museo per facilitare la comprensione degli argomenti e della documentazione e per l’utilizzo dei dispositivi multimediali e interattivi
  • Corsi di formazione per insegnanti e animatori culturali, con rilascio di attestati di partecipazione
  • Sportello informativo e per l’assistenza tecnica agli insegnanti.
  • Incontri finalizzati allo scambio di lavori, di idee, di informazioni, di collegamento con i curricula scolastici, di metodologia di approccio ai temi del Museo
  • Visite guidate per le scolaresche.
  • Percorsi didattici
  • Laboratori creativi
  • Rappresentazioni teatrali
  • News letter spedita gratuitamente a chi ne fa richiesta e realizzazione e diffusione di materiali didattici ed opuscoli informativi
  • Organizzazione di eventi a tema durante periodi particolari (ad esempio per la Settimana per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile e della Settimana per la Riduzione dei rifiuti)

Attività per le famiglie e con il territorio

Come prolungamento del lavoro svolto per e con le scuole anche alle famiglie, anello basilare nella catena della produzione e differenzazione della raccolta di rifiuti e primarie trasmettitrici di comportamenti ambientali virtuosi, sono dedicate le seguenti attività:
  • - Visite guidate
  • - Seminari di informazione
  • - Mostre a tema
  • - Laboratori ludici e creativi in occasione di giornate o eventi particolari
  • - News letter spedita gratuitamente a chi ne fa richiesta e distribuzione materiali divulgativi e opuscoli informativi

Suggerimenti e Valutazione gradimento

Al Rimuseum sono bene accolti i suggerimenti del pubblico che possono essere inseriti on line nello spazio dedicato all’interno del sito (www.rimuseum.it)
Ai visitatori, e in particolare agli insegnanti, vengono sottoposti questionari per valutare il gradimento dei servizi offerti ed agli studenti vengono somministrati questionari, in entrata ed in uscita, per valutare l’efficacia della comunicazione e dei contenuti educativi delle attività svolte.
E’ previsto l’aggiornamento annuale della carta dei servizi in modo da registrare e portare a conoscenza del pubblico le modifiche e l’arricchimento dei servizi offerti.

Personale

Il Rimuseum si avvale, per ognuna delle sue attività, della professionalità di personale specializzato nell’ambito della didattica, scienze dell’educazione, delle scienze naturali e dell’amministrazione. Gli educatori del Rimuseum sono dei mediatori culturali che promuovono lo “sviluppo sostenibile”, con capacità di coinvolgere tutte le categorie di pubblico. Hanno competenze interdisciplinari, scientifiche ed umanistiche, e grazie ad una formazione permanente e sistematica riescono a utilizzare metodologie adatte a veicolare sia conoscenze sullo stato dell’ambiente, sia sui comportamenti individuali e collettivi da assumere nell’ottica della sostenibilità.